Sigillata al mondo,
Aperta alla musica ed alla letteratura.
Immersa nel mare più vero dove vibra l’anima ed i miei occhi si chiudono fremendo al piacere mentre sento le parole fondersi alle mie.
C’è così tanto splendore che non riesco a descriverlo totalmente.
Nel silenzio totale, dove posso ascoltare le voci che nascono fra i miei pensieri e prendono corpo.
Nel chaos sonoro, dove scrivo come se qualcuno si fosse impossessato delle mie mani e dei miei occhi, cambiando angolo della visuale.
Il mondo non mi ha mai esaltato o lasciato nulla di tutto questo.
Pieno di sentimenti vuoti, scontri vergognosi e corse in cerca di rispetto dove non si ascolta oltre ciò che serve. Dove tutto è valido.
Non ho alcuna voce da sprecare in questa dimensione terrena, ma ascolto con le spalle voltate.
Senza nascondiglio visibile, o difesa.
Respiro, ma non sono.
Non sarò mai come mi vorrete.
Rifiuto di piegarmi ai vostri canoni di bellezza esteriore o morale.
Non c’è etica nei miei sogni ma non c’è onore nelle vostre azioni.
Troppo distante per comprendervi, perfettamente in grado di percepire al dettaglio ogni aria, ogni barra, ogni verso.
Risucchiata dalla marea, galleggiando.
Ritornando a guardare stelle che si affievoliscono sempre di più, abbagliate dalle luci del porto.
Affondando per non riemergere.
Dove il silenzio sa vibrare d’echi nella mia mente.

Do you find yourself beguiled
by the dangerous and wild?
Do you feed on the need
for the beauty underneath?
Have you felt your senses surge
and surrendered to the urge?
And been hooked as you looked
at the beauty underneath?

A.L. Webber – The beauty underneath