Tag Archive: Summer’s gone


Boys, don’t forget your toys
And take all of your money
If you find you’re in a foreign land
Boys, don’t make too much noise
And don’t try to be funny
Other people may not understand
Lana Del Rey ~ When the world was at war we kept dancing

Annunci

[actually written Sunday afternoon in a painful moment of clarity]

I’m feeling misguided anger but for once I’m hesitant to act on it.

I’m not happy to see things taken, but I am, because old valuable pieces need to live through many human existences and see happiness and prosperity anew every few decades.

With this thought comes the realization that I’m lost to this new shade of future: it’ll be of course a place into time but I’ll rarely see it and through the life of someone else.

Still know that I’m happy of a happiness without warmth but deep-seated in my blood.

Brother is unknown to me and only now I discover how lost, how true, how damaged a blood bond could be with carelessness. (my absence of thought, impudence, impulsiveness and egotistical tendencies)

That’s why I shall love the punishment and I’ll never ask in any way or form.

To me, for me there’s only left a still, quiet place to look from and nothing else.

I understand Brother, and you won’t hear me say a hurtful thing.

Be happy, Brother of mine and live this new difficult life ahead of you.

In the past I always said I never wanted a brother and now I see the foolishness of my ways, the idiocy.

I’m a wreck but I still wish you happiness, truthfulness and goodness.

Absolution is something I will never receive nor do I really want when too many bells have already tolled.

Apparently I wrote about something already existing in the realm of touch…
Linds suffers from lack of touch and the definition is quite true and frightening eye-opening in his case.

Touch starvation is actually a thing. The term for it that’s emerging in medical/psych circles is “skin hunger”. We as humans are meant to be much more social- and especially physically social – than we actually are, and Americans in particular are often touch starved because the casual, platonic contact that often happens between friends in other places just. Does not happen here.

There’s a really Puritan idea that’s pervaded our culture, that touch and sex are inherently linked, and it’s doing us a massive disservice. Touch is incredibly important for humans- hugs reduce blood pressure, cuddling releases oxytocin, and babies will straight up DIE without being touched enough because the stimulation releases hormones that are integral to their healthy development.

We were never meant to hold one another at arm’s length, and if you feel you need physical contact, don’t be afraid to ask for it! Hug your mom. Cuddle a friend on the couch. Ask.
There’s a good chance that they need contact just as much as you do.

Because Linds was never held in the arms of his mother and – in a sterile environment such as an orphanage – there is no space to give affection to all.
Linds lives in the shadow of its ghosts and I could almost pinpoint with certainty the moment in his life when he realizes that the touch of someone can happen and he discovers the hunger for it.
He doesn’t expressly like touch but turns out to be dependent from it and has the knowledge that touch is not necessarily tied to the deepest feelings.

If we take as true the statements above is incredibly sad to think that ‘his touch rations’ are derived mainly from encounters with people who do not form any deep imprint in his life.
I shudder at the part

babies will straight up DIE without being touched enough because the stimulation releases hormones that are integral to their healthy development’

Somehow I created a ‘monster’…in fact Linds survives his infancy alone with the help (damnation?) of his own IQ.
There’s acually a place in ASTTL, in the very early chapters were in a flashback Linds says ‘Since then, the brat was dead.  And basically I think he had never been born.’
My skin is actually crawling now the more I think about the internal layered structure of his psyche.
As a baby his thoughts were already complex enough to instinctually understand the magnitude of betrayal he was victim of.
Linds could have died not from frostbite but for heartbreak.
He could have stopped fighting for his life.
He choosed not to.
He is strong enough as a ‘brat’ to say on his own: ‘Fuck YOU! I’m going to live, to thrive, to suffer AND rise from the mud.’

And now I see him with new eyes and a newfound love…as someone would say GO LINDOR! LoL

There are shorter days…

Pears and California, ice-cold tea and lemon flavoured pastries.

Afternoons quietly passing watching the hula girl swaying her hips on the windshield.

Curves and highs and lows, speeding up getting there.

Summer’s going to be gone soon and we’re still on the road joking about being young and drinking margaritas while playing domino.

Watching the city teens getting past drunk on their nights out from behind the peach flavored vodka bottle.

Stealing a few swigs of your dad whiskey stash with low curses and burnin tongues and cigarette butts filling the car ashtray.

Colourful fairy lights on the porch and candles in the jars burning low.

Summer will be gone too soon at this rate.

Give me the theory and I shall spin our story while the dragonflies play into the darkness and the bonfire dies into tomorrow.

Odio quando la vita mi rinfaccia certi momenti del mio passato.
Mind you, sometimes it’s good to wake up…makes me a bit stronger.
Ma come oggi no…quella è pura bastardaggine.

In questo periodo – complice il clima tropicale – mi alzo prestissimo al mattino per farmi la mia ora di flessioni, push-ups, cyclette e se ci sta anche qualche rampa di scale.
Verso le sei posso anche sudare sotto il giogo dell’esercizio ma sono ancora nel mondo nebuloso del miraggio onirico.
Ho trovato che un metodo per mantenere meglio il momento sulla cyclette è usare il tempo degli mp3.
Avevo da qualche parte un vecchio lettore musicale con problemi di memoria, qualche mese fa sono riuscita a riprogrammarlo abbastanza da risolvere il problema ed adesso sto controllando il disco facendo passare in ordine alfabetico tutte le tracce musicali che ci ho caricato sopra (4GB di HD, non sembra ma se i file sono abbastanza compressi ci stanno migliaia di ore!).
L’alfabetico alla fine è uno dei migliori metodi per ascoltare musica a random quindi quando oggi sono passata dalla H alla I, non ci ho fatto molto caso…
…non fino a quando sono arrivata qui…

Ho smesso di pedalare dallo shock per un buon venti secondi dopo averla riconosciuta.

Ho stretto i denti e ho ricominciato, forse con più forza del necessario a pedalare, contando a ritroso e sperando che l’agonia finisse presto.
Altre canzoni ne hanno preso il posto, melodie che non continuavano quel particolare filo logico.
Il nervoso si stava scaricando abbastanza grazie alle sessioni con il freno tirato al massimo, il sudore che ti cola di dosso come pioggia e la tensione nelle gambe che si fa dolorosa.
Avevo appena inforcato l’ultima pura salita da cinque minuti.
E di nuovo…

Il ringhio che mi è uscito dalla bocca stamattina non era umano.

Quella musica ‘meravigliosa’, perché vivo di musica, lo dicevi tu.
Io e te dieci anni fa.
Direzioni opposte, in ricerca di un futuro ingiusto nella nebbia.
Treni di primo mattino che sfrecciano in mezzo a due pensiline.
Parole, chilometri e lettore mp3.
Occhi, mani e cieli notturni su Torino.

Me li hai fatti conoscere tu i Subsonica…li hai infilati nei miei file quasi di soppiatto.
Li adoro ancora adesso ma non li ascolto da quando ho perso te.
Che fossero rimasti sul lettore non ne avevo la minima idea.
Perch´ ce li ho messi, mi chiedete?
Perché quando ti manca qualcuno trovi tutte le scuse per farti del male.
Se oggi è un indizio significa che non sono cresciuta nel frattempo, il dolore è sempre quello ma ho la speranza di non somigliare più alla Fra di allora.
Lei avrebbe mollato tutti i suoi propositi di fitness all’aria ed avrebbe cancellato seduta stante tutte le voci sotto Subsonica con ira assoluta.
Io ho continuato i miei 40 minuti e quando ho smesso, ho solo spento l’aggeggio e mi sono fatta una doccia.

Le ferite magari non si rimargineranno mai.
Alla fin fine ci si fa il callo al dolore e questo da pulsante diventa un mero fastidio di fondo.

Sono praticamente certa che – con lo scorrere della playlist – ci saranno anche altre tracce dei Subsonica ma non le toglierò.

Sono una fan sfegatata del farsi del male per una buona ragione.
Ed evirare un demone come ‘noi’ è meglio farlo senza anestesia.

There was a viaduct in my recurrent memories as a child.
It’s still there actually, with his decrepit grey cement and lampposts never lit.
At night it was a dark ominous thing to look at from the windshields and the last big sign that we were a very little distance from home.
I always feared it to fall down when we passed under it.

The high pine trees and silvery cedars you could see from the windows of my parent’s home became ugly, horned monsters able to eat me whole during winter storms, lit in cold fire by lightning.

The green light that will filter under the door beside my little bed in Grandmother’s old house when the church’s clock struck the twelfth hour. I never slept well while there, my eyes fixed on the key inside the keyhole that always seemed to turn a fraction more.

The irrational fear of the dark I had for a long long time, until I discovered that real terror very seldom hides in darkness.

A very curios saying that sticked with me was this, and they told it to me so often it became a beautiful mysterious story: when a storm was approaching/going away the many thunders were the hooves of Devil’s horses as he was taking his bored Queen for a ride over the clouds.
I think it’s a family thing because no-one I know seem to recognize it.
It was and still is incredibly poetic to me.
I passed many a storm looking up, searching for glimpse of that mythical (to my eyes) coach with black horses and the glossy opals of the Queen.

These were my fables, still deep waters under a broken bridge to be never rebuilt.

What were yours?

[Background Music: Beethoven – Moonlit Sonata + train home]

2214

You know you’ve become somewhat obsessive in your writing when – in the middle of an inspiration flow – you start checking on internet every every little stop on their travels and confront it with your timeline and thinking

‘Oh shit…this will not do…this will not do at all!!!”

And you rework it totally, hoping it will not fuck up your timeline too much…

And the entire process takes hours…

I think I’m gonna cry now…

Avete presente The Sims 2?

Sì io sono una di quelle poche persone che ci gioca ancora (1. perché non ho un pc da trincea decente per TS3/TS4; 2. perché la grafica dei suddetti sequel mi fa accapponare la pelle)

Beh, sto testando un gran bel pezzo di custom content che permette diverse outfit per le donne incinte ed ho deciso di vuotare completamente la mia cartella Download per questione di velocità in caricamento, meno lag ecc…

Accidenti…The Sims 2 senza mod è un’esperienza abominevole…non contando il guardaroba simmino che beh… si è fermato al 2007 o giù di lì xD

Ma il non poter controllare le gravidanze, i vari bug Maxis non corretti, la signora Crumplebottom che immancabilmente rompe i ***, i conigli, e quant’altro…dimenticavo le morti da satellite! ^^

Un giorno o l’altro BloccoNote alla mano farò una lista dei mod ‘indispensabili!’ per sopravvivere nel gramo mondo The Sims 2.

Dovrò almeno averne un centinaio…LoL santi i modders che li hanno programmati!

Nota: sto giocando tantissimo nell’ultimo periodo…sarà il caldo, l’umido ed i temporali di fine estate…altro che spiagge io vado a Takemizu e vi manderò una cartolina appena rimetterò tutto il CC al suo posto.

Adios! 😉

Ha fatto un caldo negli ultimi giorni che per poco pensavo di liquefarmi.
Ed i miei capelli che in due mesi sono cresciuti come degli assatanati non mi hanno per niente aiutato! -__-‘
L’orecchio sx per fortuna sembra essersi ripreso piuttosto bene e speriamo che duri.
La musica che mi sono persa, quei piccoli dettagli…ah!
L’unica cosa che non torna è la voglia di scrivere.
Non mi sono più venute molte idee nelle ultime tre settimane e non ricordo di aver scritto per più di dieci minuti di fila alla volta.
Non mi sento in astinenza, più che altro sono indecisa su cosa fare, lo spezzarsi di una routine definita.

Guardo la pagina bianca, con una bic in mano.
Vedo il mondo, e poso la penna dove l’ho trovata senza rimettere il tappo.

Da una parte vorrei quel solito fiume di parole, di sensazioni, sguardi e pensieri. Un filo logico continuo che si svolge a più riprese.
Dall’altra lascio che l’inchiostro secchi nella penna. Perché so tutto quello che c’è da sapere ormai.
Di me, di te, della stupidità umana che col senno di poi ha portato solo al disastro.
No. Quella vita è finita.
Io sono finita e non ho alcuna intenzione di rinascere dalle ceneri.
Quindi mi infilo le cuffie, sparo il volume a manetta ed Adios, in puro stile Doctor Lagden.
Anche se non posso prendere ed andarmene dove mi pare e piace.

No prima o poi quel maledetto stilo da scribano lo riprenderò sicuramente in mano ma per oggi sono solo un mucchio di malinconica musica anni ’30 e strano miscuglio di metal sinfonico, anni ’90 ed indie.

Sogni i boschi con i loro sentieri scavati dall’acqua e dai cinghiali e le fontane, e le fragoline, le foglie dell’anno scorso che scricchiolano sotto le sneakers, il sorriso semplice della Nonna Flora. Le spighe argento della gramigna che ondeggiano al vento controluce ed le ali delle poiane. Il sapore dell’aria bollente che ti inaridisce la bocca, l’odore della polvere che cuoce.

I want my Kingdom back and if  it’s not available I will build it in my own mind.
To hell with everything or everyone else.

Il Cassetto nel Cassetto

Un Mondo di Parole

Tea Leaves and Reads

“As always, one of her books was next to her.” ― Markus Zusak

Simone Morana Cyla Official Blog

Blog ufficiale dell'artista digitale Simone Morana Cyla.

Mathew Lyons

WRITER & HISTORIAN

comeseavessileali

"What a guy, what a fool am I, to think my breaking heart could kid the moon"

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

Matteo Gianino

Photography Portfolio

Ps: Fun & Travels

Blog Idee viaggio

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Dimension Gate

"All worlds, all of time are yours to explore"

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

April is such a Cursed month

Permanent wounds that never heal.

Matt on Not-WordPress

Stuff and things.

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

Vivoescrivo

God Hates Us All!

Il Nemico Utile

Exoriatur Lumen Quod Gestavi in Alvo

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Anette Olzon Italia

Your first Italian source about Anette Olzon

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Show me a garden that's bursting into life

I'm contemplating thinking about thinking

Kathryn Dawson Photography

"Vision is the Art of seeing the invisible" - Jonathon Swift -

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

the m0vie blog

an Irish nerd's eye look at the world of film

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

Meanwhile, back at the ranch...

music, poetry, musings, photography and philosophy from a woman who found her way back home and wants you to come over for a hike and a cocktail.

F. H. Hakansson

F. H. Hakansson - Writer

tuttoquestogiallo

Ventitrè estati, ventidue inverni. Immaginare storie. Scriverle con un lapis su pezzi di carta ingiallita. Scappare lontano. Viaggiare con la mente e con il cuore. Sognare una casina bianca e un giardino pieno di rose. Leggere un libro. Guardare il mare. Ascoltare in silenzio la voce dei propri pensieri. Affacciarsi su un balcone e guardare l'alba. Fotografare un istante e conservarlo gelosamente nel proprio cuore. Fumare una sigaretta su una vecchia sdraio verde mentre guardo le stelle. Immaginare qualcuno dall'altra parte del mondo. Colorare di giallo la mia vita. Giallo. Giallo, perchè è prima del rosso. Giallo, come un limone. Giallo, come la mia canzone. Giallo, perchè disturba. Giallo, come qualche miliardo di stelle.

The Harry Potter Companion

the story, the beauty, and the magic of harry potter