Tag Archive: secret project


Sono appena tornata a casa…LoL
Questo articolo era già in preparazione da un po’ di tempo e penso che si fosse capito negli ultimi giorni dall’aumento di post video a stampo puramente personale.

Non mi farò più sentire per un po’ né qui né per UT.
Negli ultimi tempi sto davanti al computer 14 ore al giorno per lavoro (a volte anche nei weekend) non ho più orari, ed è fantastico.
(son pazza sì)
La mia vita si sta affollando come il tendone di un circo ed mi prosciuga tutta la mia capacità emotiva.
In più ho un plot bunny di quelli sbucati fuori da non si sa bene dove che mi fa scrivere di notte invece di dormire e non c’entra assolutamente nulla con le mie storie attualmente in corso di scrittura.

In breve:
Fra  ha un piccolo problema di stacanovismo compulsivo al momento oltre tutte le faccende personali.
Hermes è troppo occupata a misurarsi con un progetto personale che sta acquisendo dimensioni da saga olimpionica.

Quindi vi auguro una buona estate, al massimo potrei continuare a postare qualche Song o Quote of the day ma non sarò più molto attiva nei prossimi mesi.
Au revoir… 😉

2710

Sono due mesi che ci provo…

Ormai la voglia di prendere a testate la tastiera è imponente.

Ho – udite udite – un trequel da scrivere, uno show must go on che prevede continui colpi apoplettici e urla isteriche di ‘Io ti uccido, Hermy. Marca le mie parole!’

Sapete qual’è il problema?

Sta nella mia testa, ci ha messo le radici quello schifoso!

Non ho tutta la trama davanti ma qualcosa sì, più che abbastanza per mettere giù una base e sapere in bene o in male dove mi porto…manca il titolo ma la colonna sonora è ricca, i moodboards stanno superando la mia immaginazione, ho fatto tutte le ricerche del caso su wiki, Google Earth ecc…

L’unica cosa che riesco a fare è scrivere al massimo un paragrafo per volta e nemmeno tanto corretto in italiano…

Sono disperata…

da552d2309cc1de8fa8c90c2079dbd88

Ovviamente sono di nuovo in modalità ricerca e costruzione…
La vacanza era già finita ma adesso il mio cervello si è risvegliato dalla pausa forzosa e non c’è più pace per una come me che scrive pure di notte, nella vasca da bagno e sopra il trono di ceramica all’occorrenza.
Ho progetti per tutte le tasche…dalla shot di chiusura ad un mondo musicale che mi ha tenuto compagnia quattro anni, al lavoretto dimenticato, alla saga megalomane, alla storia epico/medievale senza capo ne coda e perché no, magari anche un piccolo raccontino sperimentale.
In questo momento sono fissa sulla saga megalomane di LL.
Sto studiando di nuovo come una matta; oltre le 25 (25!!!) pagine di bozza della prima idea, dentro il documento ci sono altre storie correlate.
Perché i miei file doc all’inizio sono il caos completo: articoli psicologici, frasi interessanti, citazioni, pezzi musicali, moodboards e spezzoni di cento parole.
Man a mano che scrivo ‘sul serio’ il malloppo scivola sempre più in basso e si rimpicciolisce.

Per darvi un’idea: oggi a pranzo mi sono cimentata con il Myers-Briggs.
Prima ho scoperto di essere un INTP, poco sorpresa dopo aver letto la descrizione.
Poi ho fatto provare prima Linds (ENTJ) e poi Michelle (ESFJ), entrambi spiccicati all’etichetta.
Non avevo mai provato prima (ne conoscevo il significato di queste personalità) ma a quanto pare non ho bisogno di farmi pare mentali per creare un personaggio.

Trovo che il sistema MBTI sia un pochetto limitativo (16 tipi di personalità solo?!)
L’unica che mi chiedo è: ma se chi scrive è abituato ad essere ‘empatico’ (caratteristica propria dell’autore abituato ad usare la prima persona come me) cioè bloccare le proprie idee/visioni del mondo per dare spazio a quelle del personaggio fittizio.
Come fa lo stesso ad avere un solo tipo di personalità?
Sotto un certo punto di vista mi sembra una magagna grande come una casa questa…o probabilmente sono affetta da doppia/tripla/eccetera personalità xD

Something is coming
Floating up
Gaining speed
Crawling from the soil in my mind.
It could be nothing, everything, in between.
Time to open a new paper white coma and pour every sight of the third eye.
Because Hermes’ vacation from the keyboard ended.
Right.
About.
Now.

Sta piovendo da due giorni come se dovesse riversare l’intera media annuale…
Avrei da finire il prossimo di ASTTR ma continuo a guardare fuori.
Adoro quel grigiore argenteo su tutte le cose…
Poi ho iniziato a complottare un’altra storia…migliaia di parole la sera dopo cena che mi fanno piacere e – probabilmente – non usciranno mai dalla mia pendrive.
Sono una persona che si diverte con poco e che – per non annoiarsi a morte – inventa storielle da mezzo milione di caratteri e decide di scriverle in inglese…LoL

Cheers dears, vado a prepararmi la cena a base di tazza di broda e biscottini light, magari qualche minuto con la Litizzetto e poi…qualche paragrafo in più non guasta mai! ^^”

Potrei o no aver passato buona parte del mio weekend a cavarmi gli occhi davanti Cad, Photoshop e Bodyshop…
Forse ho un nuovo quartiere in TS2…
Immaginate come si chiama? xD

Sometimes I feel really creepy…
(tonight I’m going to get acquainted with ep 25, I fear I’ll need a good stiff drink for this one)

ps: scuse per chi passa da EFP in cerca di notizie o movimento…la Musa è andata in vacanza senza di me temo e mi diverto di più a ridere come una scema all’una di notte ascoltando Cecil e la sua smisurata cotta da schoolgirl per Carlos (non parlando delle sue sfumature psicologiche, ci sarebbe da scriverci una tesi!) che passare la serata a scrivere.
La pagina bianca mi deprime negli ultimi tempi =( ma di questa settimana voglio almeno rispondere ai commenti e recensire un paio di storie quindi prima o poi uscirò dal mio eremitismo self-induced… LoL
Vi faccio ciao con la manina e vado a prepararmi del tè corretto col brandy, Good evening!

Nel post precedente vi avevo messo al corrente della mia fuga dal caldo afoso (per non dire straziante ed umido!) delle mie parti.
La visita domenicale mi ha portata sulla costa della Toscana in compagnia di parenti lì in vacanza…
Esattamente alle nove e qualche minuto le mie sneakers toccavano il suolo del Lido di Camaiore ed i miei occhi chiari – schermati dal mio solito paio di occhialoni mezzanotte – si posavano sulle basse acque e sulle larghe spiagge di suddetto posticino.
Vi dirò, questo viaggio è stata un’idea dell’ultimo minuto ma si è rivelato godibile nonostante le tre ore di auto… xD

PRO:
– La CUCINA! Che poi quando mai l’Italia non si distingue per le prodezze culinarie? ^^ Ho mangiato degli spaghetti agli scogli favolosi, ed il fritto misto di pesce dalle mie parti proprio non regge il confronto con il mezzo quintale di assortimento che hanno portato al nostro tavolo…gnam! (sì sono oversize, ma per una buona causa!)
– il clima…un venticello fresco continuava a toccare gentilmente tutta la zona, una gioia sotto il sole a picco ma che ahimè non ha migliorato la scottatura a gambero che mi sono ritrovata alla sera! =(
– l’architettura dei villini, uno diverso dall’altro, uno più curioso dell’altro! C’erano delle idee niente male e stili completamente diversi. Mi pare di aver intravisto addirittura un villino abbandonato con lo stemma di Venezia…boh…
– la spiaggia, la passeggiata ed i viali erano pulitissimi, pronti per l’alta stagione oserei dire.

CONTRO:
– La passeggiata. Praticamente tirata su da pochi anni ma priva di QUALSIASI possibile frescura. Metti pure le panchine ma a 33 gradi Celsius ed il caldo riflesso dalla pavimentazione puoi rimanere stecchito e tirare fuori le uova per farle friggere. Hai voglia gli irrigatori in funzione permanente per le aiuole di erba verde smeraldo! LoL
– Non una spiaggia libera!!! Cazzarola! Mi sono fatta dall’inizio del Lido fino al Piper (si proprio quel locale! 😉 a piedi e non ne ho vista manco una! C’erano i passaggi ma potevi solo bagnarti il sedere sulla battigia se volevi prendere il sole! Sgrunt!
– L’acqua bassa…ma bassa bassa! =(
– La mancanza di un porto per causa sopra, c’era solo un piccolo arenile. Ovviamente chiuso al pubblico.
– le strade della zona…un buco continuo, e noi piemontesi che ci lamentiamo senza motivo! Se non li vedi non ci credi! LoL

Eh beh, a mia discolpa io ho passato le mie estati in Liguria dove il paesaggio è completamente diverso, gli scogli abbondano e certi giorni le onde salivano a tre metri e ci divertivamo a saltare come degli sciamannati rimanendo travolti! xD
Quindi no, non ho apprezzato l’acqua bassa e opaca, ho calcolato che – se avessi deciso di provarci – avrei dovuto farmi più di mezzo chilometro a piedi per riuscire ad immergermi fino al mento senza inginocchiarmi…tutto quello che ho pensato è stato: ma anche no…! ‘derci!
Ora che i miei capelli hanno superato soglia 93 non sarebbe stato pratico, comunque…xD
In tutto sono contenta di questa gitarella, nonostante le scottature da sole e vento. (cosa non avrei dato per un po’ d’ombra, cavolo!)
La colonna sonora è stata ottima (Lana a manettaaaaa!), la giornata pure, la compagnia non molto ma non si può chiedere tutto dalla vita…

Ho scattato poche foto della località, colpa del sole che mi picchiava addosso e dal quale cercavo di scappare ogni attimo! xD
Per il resto godetevi le penose shot dell’acquario dell’albergo!
Uhm vado a tirare fuori il ghiaccio dal freezer… *borbotta contro la sua pelle di porcellana*

Ps. Ho avuto una sorta di illuminazione la notte dopo il ritorno…i secret project ora sono TRE, ringraziate l’autostrada, la mia folle immaginazione, l’insonnia e la Del Rey. #o#

S

S

S

S

Avete presente quando la lista di cose da fare entro la notte diventa sempre più lunga ogni ora che passa…
E gli occhi vi si chiudono…
E l’edit per l’aggiornamento del capitolo di domani è ancora tutto da fare…
…per non parlare della revisione grammaticale e della sintassi…
…la codificazione del suddetto…
…e del capitolo finale ancora tutto da scrivere…
Di ASTTR e del secret project che mi randellano ogni minuto della giornata con nuove idee sempre più malate e brillanti e che non posso aspettare a scrivere in modo di non dimenticarmi!
Devo anche trovare il tempo per diventare liscia come una tavola, lavarmi i capelli, organizzare la valigia, farmi un paio d’ore di sonno e tentare di far mangiare quella bestiaccia di Loki (la tartaruga bastarda) andato improvvisamente in sciopero della fame e della sete…
Solo a pensare che devo svegliarmi alle cinque di domenica mattina mi viene male…
Lucius, caro hai mica qualche consiglio attinente da darmi? #-#

tumblr_m7stlrSPm51qhd14co1_500
[GIF not mine]

…and put the kettle on because it’s going to be a loooooonngg weekend not really relaxing.

Due parole.

Voce e Auto.

La guida lasciatela a me od a Linds… *the Doctor spins the keys, cheeky grin *…quella lancetta dei giri che sale e sale e sale…! o.o

Mi fa venire voglia di correre!

Il cassetto nel cassetto

Un Mondo di Parole

Tea Leaves and Reads

“As always, one of her books was next to her.” ― Markus Zusak

Simone Morana Cyla Official Blog

Blog ufficiale dell'artista digitale Simone Morana Cyla.

Mathew Lyons

WRITER & HISTORIAN

comeseavessileali

"What a guy, what a fool am I, to think my breaking heart could kid the moon"

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

Matteo Gianino

Photography Portfolio

Ps: Fun & Travels

Blog Idee viaggio

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Dimension Gate

"All worlds, all of time are yours to explore"

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

April is such a Cursed month

Permanent wounds that never heal.

Matt on Not-WordPress

Stuff and things.

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

Vivoescrivo

God Hates Us All!

Il Nemico Utile

Exoriatur Lumen Quod Gestavi in Alvo

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Anette Olzon Italia

Your first Italian source about Anette Olzon

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Show me a garden that's bursting into life

I'm contemplating thinking about thinking

Kathryn Dawson Photography

"Vision is the Art of seeing the invisible" - Jonathon Swift -

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

the m0vie blog

an Irish nerd's eye look at the world of film

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

Meanwhile, back at the ranch...

music, poetry, musings, photography and philosophy from a woman who found her way back home and wants you to come over for a hike and a cocktail.

F. H. Hakansson

F. H. Hakansson - Writer

tuttoquestogiallo

Ventitrè estati, ventidue inverni. Immaginare storie. Scriverle con un lapis su pezzi di carta ingiallita. Scappare lontano. Viaggiare con la mente e con il cuore. Sognare una casina bianca e un giardino pieno di rose. Leggere un libro. Guardare il mare. Ascoltare in silenzio la voce dei propri pensieri. Affacciarsi su un balcone e guardare l'alba. Fotografare un istante e conservarlo gelosamente nel proprio cuore. Fumare una sigaretta su una vecchia sdraio verde mentre guardo le stelle. Immaginare qualcuno dall'altra parte del mondo. Colorare di giallo la mia vita. Giallo. Giallo, perchè è prima del rosso. Giallo, come un limone. Giallo, come la mia canzone. Giallo, perchè disturba. Giallo, come qualche miliardo di stelle.

The Harry Potter Companion

the story, the beauty, and the magic of harry potter