Tag Archive: Nonne


2235

Da un paio di settimane circa sono finita in una baraonda di casini uno in fila all’altro.
Se una delle mie nonne quest’estate si è fracassata un femore (ora si fa le scale, vispa e contenta, ha 91 anni la donzella LoL) l’altra non se la passa così bene.
Una notte ha avuto una crisi respiratoria, ci siamo spaventati tutti ed l’abbiamo portata al PS di corsa. Lei vive parecchio lontano da casa nostra quindi tenete in mente che l’ospedale nel quale è ricoverata si trova a quasi un’ora e mezza di macchina.
A causa del fegato ogni tanto qualche visita all’ospedale la faceva ma questa volta si è fermata in cardiologia dove la tengono sotto controllo costante ed hanno cercato una cura possibile al suo cuore in defibrillazione…
Oggi il primario ci ha detto che, dato che le medicazioni non danno il risultato sperato ed il suo fegato si sta intossicando, l’unica idea è installare un pacemaker il più presto possibile.

Ecco, ora che vi ho riassunto gli eventi di questi ultimi giorni avete un quadro piuttosto corretto dei miei casini.
È sceso un silenzio di tomba in casa da quando la nonna è ricoverata.
Non è una cosa strana, in fondo.
Quando capitano certe cose (ed nella mia famiglia negli ultimi tempi sembrano capitare piuttosto spesso ahimè) finisce sempre che mia madre incappa in un crollo psicologico…è come se decidesse che tutto finirà male ed l’atmosfera diventa ancora più pesante.
Stavolta poi anche mio fratello sembra aver sviluppato una sorta di terrore cieco appena ha sentito la notizia. Non ha mai chiamato tanto come nell’ultima settimana.
L’unica che sembra avere ancora un minimo di calma sembro essere io e certe volte mi fermo, ripenso a quello che dico, alle espressioni degli altri mentre mi ascoltano ed in qualche modo ho, non l’impressione, ma la certezza di toppare alla grande.
Perché non ho paura.
Non riesco a provare quell’angoscia che vedo negli occhi di mia madre anche se voglio un bene dell’anima a mia nonna.

È in questi momenti che mi chiedo se mi manca qualcosa o, più semplicemente, ho un metodo di pensiero a scatole chiuse talmente perfetto che non riesco ad andare in panico.
So solo che non sono capace a confortare nemmeno mia madre quando la vedo sull’orlo delle lacrime, e che mi sento una merda quando capisco che nessuno se la sente di prendere il comando della situazione ed alla fine lo faccio io per una pura questione di frustrazione.
Ci sto male ma a quanto pare l’unico modo col quale riesco ad esprimermi è scrivendo, perché la mia espressione non tradisce nulla e le mie parole cadono come pietre nella sabbia.
Mi sento una maschera.

Annunci

Ha fatto un caldo negli ultimi giorni che per poco pensavo di liquefarmi.
Ed i miei capelli che in due mesi sono cresciuti come degli assatanati non mi hanno per niente aiutato! -__-‘
L’orecchio sx per fortuna sembra essersi ripreso piuttosto bene e speriamo che duri.
La musica che mi sono persa, quei piccoli dettagli…ah!
L’unica cosa che non torna è la voglia di scrivere.
Non mi sono più venute molte idee nelle ultime tre settimane e non ricordo di aver scritto per più di dieci minuti di fila alla volta.
Non mi sento in astinenza, più che altro sono indecisa su cosa fare, lo spezzarsi di una routine definita.

Guardo la pagina bianca, con una bic in mano.
Vedo il mondo, e poso la penna dove l’ho trovata senza rimettere il tappo.

Da una parte vorrei quel solito fiume di parole, di sensazioni, sguardi e pensieri. Un filo logico continuo che si svolge a più riprese.
Dall’altra lascio che l’inchiostro secchi nella penna. Perché so tutto quello che c’è da sapere ormai.
Di me, di te, della stupidità umana che col senno di poi ha portato solo al disastro.
No. Quella vita è finita.
Io sono finita e non ho alcuna intenzione di rinascere dalle ceneri.
Quindi mi infilo le cuffie, sparo il volume a manetta ed Adios, in puro stile Doctor Lagden.
Anche se non posso prendere ed andarmene dove mi pare e piace.

No prima o poi quel maledetto stilo da scribano lo riprenderò sicuramente in mano ma per oggi sono solo un mucchio di malinconica musica anni ’30 e strano miscuglio di metal sinfonico, anni ’90 ed indie.

Sogni i boschi con i loro sentieri scavati dall’acqua e dai cinghiali e le fontane, e le fragoline, le foglie dell’anno scorso che scricchiolano sotto le sneakers, il sorriso semplice della Nonna Flora. Le spighe argento della gramigna che ondeggiano al vento controluce ed le ali delle poiane. Il sapore dell’aria bollente che ti inaridisce la bocca, l’odore della polvere che cuoce.

I want my Kingdom back and if  it’s not available I will build it in my own mind.
To hell with everything or everyone else.

Come si fa a spiegare ad una donna di 90 anni che il mondo non è più quello che ha conosciuto lei da giovane?

Come si fa a risponderle che non c’è una possibilità in heaven or hell che io o mio fratello decida di accasarsi?

Perché devono venirmi in mente questi dubbi quando ho sempre pensato che la nostra famiglia si fermerà con noi due?

Che male c’è in fondo?

Human Pages

The Best of History, Literature, Art & Religion

The Travellothoner

Travel, Running, Fitness, Life, Writing.

Let's Support Them

Make them smile and happy

The Paper Drafts

Creating art, poetry, and fiction.

Natalie Breuer

Natalie. Writer. Photographer. Etc.

The Alchemist's Studio

Raku pottery, vases, and gifts

The Depth of Now

Stay Curious

thedihedral.wordpress.com/

Climbing, Outdoors, Life!

The Renegade Press

Tales from the mouth of a wolf

Discover

A daily selection of the best content published on WordPress, collected for you by humans who love to read.

Demoni di EFP

Una grande minaccia infesta EFP e l’intero mondo delle fanfictions! Le storie squallide!

The Minds of ...

Nelphaell Simblr (Hyde)

INTJ:Break-The-Chain

Empower Yourself

unbolt me

the literary asylum

Poetica di Viaggio

Equilibrio tra preparazione e improvvisazione, tra emozione e razionalità

Bikes Philosophy

We're gonna travel the world by bike to spread love, respect and culture of bicycle all over!

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

“Ships are safe in a harbour, but that’s not what ships are made for”

RUMORE

Interferenze radio e disturbi di segnale

Tea Leaves and Reads

“As always, one of her books was next to her.” ― Markus Zusak

Mathew Lyons

WRITER & HISTORIAN

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

Ps: Fun & Travels

Ami viaggiare? Sei sul sito giusto!

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Dimension Gate

"All worlds, all of time are yours to explore"

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

April is such a Cursed month

Permanent wounds that never heal.

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

Vivoescrivo

God Hates Us All!

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Anette Olzon Italia

Your first Italian source about Anette Olzon

Show me a garden that's bursting into life

I'm contemplating thinking about thinking

Kathryn Dawson Photography

"Vision is the Art of seeing the invisible" - Jonathon Swift -

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

the m0vie blog

an Irish nerd's eye look at the world of film

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

Meanwhile, back at the ranch...

music, poetry, musings, photography and philosophy from a woman who found her way back home and wants you to come over for a hike and a cocktail.

F. H. Hakansson

F. H. Hakansson - Writer