Tag Archive: Love you but I will never say it out loud


There are days like today.
Where I’m so fed up when I stop working in the evening.
When I just snap at little things going wrong, screaming.
I don’t have the patience to prepare my customary cup of tea before dinner nor the desire to eat, and already I skipped lunch and breakfast, like a total moron.
I’m so primitively mad I have no regrets saying ‘Fuck you!’ to the world in general.
That’s when I put my phone on hold, close the door and make a dive for the bed, punching everything I can reach.
It’s childish but harmless.
I usually get up after that for a hot bath + washing my hair.
That doesn’t really help much but I usually feel human again.
These are the days without Ti.
I can’t help it, I tried.

He’s away a lot this days and I’m deprived of my favourite ray of sunshine.
He makes me happy, he makes me angry, he knows how and has the smile of an angel.

Annunci

4046

I just had one of the worst days of my life…

Only saving grace is coming home to Ti in full exercise mode, stripped to the waist and putting strain to his biceps, and he does that only when he needs to get off something from his chest.

And then turns out his day was no better than mine…

So a call for take-out, and an opened bottle of cognac later, falling stars to watch over our heads…

There are things in life you just can’t buy…thanks above for small mercies…xD

I could die for thy beauty, my favourite jerk in the whole world!

Saturday night, disaster day.

Prosit to a better week in two days.

giphy1

4036

“Do you have to go home, Fräulein?”

It’s the timbre of his voice.
That lost air he fights so hard to keep reined in.
His big hands curled up on the desk.
I don’t know what is happening to Ti in these last few days but I’m worried.
He seems in another world, a darker one, him so lively and dinamic like I’ll never be.
I’ve been tempted to ask…god, I’m dying to ask and I’m respecting his personal space…
What can I do?
His eyes are literally screaming at me to stay.
At home I have so many things to do, to finish, to explore but that look is scaring me shitless…

“No, I don’t…”


I’m here Ti.
Even if you’ll never tell me what’s wrong.
Because I…care.
 

4031

What if I do pray?
I know, Ti, God is nothing to me but I’m praying through this awfully hot days.
While my brain is slowly dying to death along with my eyes for the sun and humid air.
While I exercise like a madwoman.
While I drive fast on the highway.
When I find myself thinking of you, looking through tea depths, in my few moments of rest.
At 5.50 am when I usually wake.
I see what I can’t.
I hear nothing, and you are in the shell of my ear.
It is maddening more than anything else I ever knew.
If God existed it would hear my prayers, isn’t it?
If it was a benevolent God, that is…
I know you would smile that knowing crooked smile, now.
All finesse and glinting eyes.
Smoke shimmering in your breath, the sweet cherry flavour of the tobacco you use.
I can savour it on my tongue now.
Maybe the stillness of this heat will make me mad…I don’t truly care if I can have you.

And saying those dammed words that will never leave my mouth.
Shall I wait when it’s going to be too late?
Yes, because I am that kind of idiot.
Silly little thing with an iron will who can plow for its dreams in the midst of the last deathly heatwave  of the summer and then turn spineless coward with fear of an imminent end to happiness.

And I pray, yes, more than you’ll ever know.

IMG_20180706_212603

Estate.
Molti dicono che l’estate può essere solo una, frenetica, troppo corta nella maggior parte dei casi.
Sono tutte balle.

Tre anni fa (cavolo…già così tanti?!) le mie estati erano lunghe e scure, soli obliqui che foravano sentieri di terra sotto le suole delle mie scarpe da ginnastica. Posti ombrosi dove gli alberi cigolavano sinistri ed io, io che mi isolavo da quella natura a tratti pericolosa con Metal e Nightwish e Soprani al volume massimo, cercando di bruciare tutta la rabbia che mi sentivo addosso con la voglia di pericolo e di scoprire ciò che avevo intorno. Ho battuto quei boschi palmo a palmo con ‘metodo’, la mia personale follia.

Quando ero bambina la mia estate era come un pomeriggio che non finiva mai, un sole che ti abbaglia anche se sei all’ombra, un quadrato d’erba chiuso da soffocarci dentro, trattenendo il respiro sotto l’acqua gelida di un pozzo. Pezzi di ambra chiara e cristallina che cola dalla corteccia e frutti dolci come il miele sporti a penzoloni dagli alberi.
Mattine seduta al sole sul balcone della casa dei miei, quasi invisibile in mezzo ai vasi della mamma. E sere a guardare affascinata le lame luminescenti di rifrazione della luce che si proiettano al tramonto dove il sole non scende. Colori che non dovrebbero esserci eppur ci sono per un brevissimo momento, proprio come stasera.
Ed i temporali, io furtiva che osservavo i fulmini cercando di scorgere la regina ed il suo calesse, mai davvero impaurita e più che mai curiosa.

La noia totale e completa delle mie estati quando ero adolescente, non finivano mai.
Lancette praticamente bloccate con l’attack macinando chilometri tutti i giorni sulla Renault 21, desiderando poterla guidare…='(

L’anno scorso, la mia prima estate con Ti, la mia prima estate al volante della Chevrolet darling.
Quando diviene tutto di colpo possibile ed l’ultimo pizzico di negativismo se ne và, quasi magicamente tanto che t’aspetti che sia uno di quei sogni in cui sei convinto di saper volare e poi cadi dal letto facendo i conti con la dura realtà xD

Questa estate?
È iniziata non proprio col botto ma promette bene, diciamo così.
La mia Chevrolet, l’amore meccanico della mia vita, che ringhia e accelera come una invasata quando la guido già con la punta del piede. Un mostro che adoro e che Titan teme LOL
Io amo andare veloce, non è mai stato un caso.

I miei quando avevo 14 anni: “Lo vuoi il motorino?”
Io adolescente di poche parole ma previdenti e decise: “E che me ne faccio? A scuola ci vado a piedi, e comunque è meglio la macchina.”

E Ti.
Oh Ti.
Il fautore della trasformazione.
Senza di lui non sarei tornata io e, se potessi farlo, gli direi quello che non dico ma penso 7/24/365 ormai.
Ci ho provato ma non mi esce.
Sembro quasi uno di quei pesci da acquario, mi sconforta ed infuria il non riuscire ad esprimermi liberamente.
Un anno.
Più ci penso più mi sale il panico ed una dolcezza che trabocca nella mia gola e mi porta il magone.

Quando lo guardo, a lungo, forse anche disperatamente.
Come ieri, nella luce del giorno che finisce mentre ci rilassiamo in terrazza e si gode il suo whisky con ghiaccio ed io la mia vodka alla menta con limone.
Se ne accorge, ricambia il mio sguardo.
Il peggio è che lo sa.
Sa perfettamente cosa vorrei dirgli e, con estremo tatto, fa finta di nulla.
Sorride e mi lascia un bacio sulla tempia, il suo braccio sulle mie spalle.

Stop time, I want this present to last a-while.

How could you resist this beauty and come home unscathed?

No, there’s no way.
Me walking to the office just for a moment to gather my notebook and Ti glancing at it on the counter…

“Fräulein, it’s so très charmant.”
“Yeah, I know.”
“Do you mind if I take her home?”

He’s making puppy eyes…
Damn.
At the end he wins…
Why I’m feeling a little betrayed here… XD
Then I start for home and I find myself caged…

“Sweetheart, dine with me tonight?”
“Okay…”
“I’m making your favorite.”
“Great.”
“Keep the dress on so I shall unwrap my present tonight?”
“So many presents, spoiled child! What about me?”

He smiles.
The kind of smile that I can’t live without, with a touch of mischief in his eyes.
And the the kiss that unravels me from inside out.

“Happy anniversary, now go back to your free day, petite.”

francisbacon1-2x

3931

Ci sono espressioni che non riesco ancora a controllare a quanto pare…
Così dice Ti, almeno.
Stamattina ero seduta allo sgabello con portatile in piena modalità lavorativa.
Ti mi passa davanti parlando con qualcuno al telefono, a volte gesticola leggermente ma pure i suoi gesti sono eleganti e, inevitabilmente, mi distrae.
Finisco per osservarlo in silenzio.
Un giorno o l’altro lo filmerò solo per quando mi manca e sono fuori in trasferta. xD
Il buzzurro gentiluomo chiude la telefonata e i nostri sguardi si incontrano.
Silenzio.
Sorrisetto da parte sua.

“Fräulein, you should really stop looking at me like that in work hours.”
“Huh?”
“I can tell what you’re thinking most of the time.”
“Oh, yeah?”

Io cretina che faccio la spavalda, forte dell’avere un portatile dietro il quale nascondermi.
Rincoglionita proprio.
Gli occhi di Ti che mi trapassano da parte a parte prima di diventare ghiaccio sulla mia spina dorsale.
Ed ecco…a questo punto caliamo pure il sipario che è meglio.

Ma che colpa ho se si veste bene ed ho un debole per il suo armadio?
Anzi no, ho un debole per l’intero pacchetto me tapina!!!
And he’s Not Safe For Work xP

testylargeandeancockoftherock-size_restricted

3884

Ti is the best buddy I could ever have despite being an ass.
He knows how to cool me down and raise me up messaging with me with fucking miles between us.
Heaviest day of the week so far…just hoping for the best right now😨😨😨

3861

Rain pattering gently on the glass panes.
Fire cracking in the grate, light swaying on his relaxed face, the sharp angle of his cheeckbones.
Lips slightly parted while he breathes deeply in his slumber.

It truly has been a mad week for both of us, always running from one spot to another, always ‘on it’ like we didn’t have an actual life.
We did make a lot of money in the last five days but I feel like death warmed over, and Ti – apart from his extraordinary phisique, as he says – looks peaked I admit.
I still have work to do right now, I should finish reading this article and wrap the listings up…I can’t help but staring at him.
Work be damned.

3824

Son qui a lavorare davanti il portatile da stamattina presto, e non sto particolarmente bene.
Mi và bene che il locale che uso come ufficio è caldo e rintanato o sarei già da un pezzo in totale agonia, piegata in due sullo sgabello.
Tre minuti fa Ti mi ritorna dalla trasferta di oggi con cipiglio marcato, immusonito.

“Is there a particular reason why your phone is completely dead, Fräulein?”

Ci guardiamo da sopra il coperchio del mio portatile.

“Of course there is…my phone is ON and offline, because I’m ‘trying’ to work.”

Silenzio.
Ti deglutisce quindi sospira, sfilandosi la cravatta.

“Tea?”
“That could do, yes.”
“How about I order some take out, you look positively famished.”
“‘kay.”

Mi scappa uno sbadiglio e poi una smorfia, la schiena mi sta uccidendo e c’è davvero poco da fare.
Quindi vengo sollevata di peso dal mio sgabello e parcheggiata più in basso sulla sedia nel suo sempre stiloso grembo, la nuvola di profumo mischiato al tabacco che mi invade il naso.

“Now…let me see…chinese?”
“Ehm…”
“My bad, Fräulein. Pizza?”
“Sounds just right…”

E sarei già felice così, comoda e rannicchiata, mentre fa partire la telefonata per ordinare se non fosse…

“Almost forgot…search the right pocket of my jacket, love.”
“…?”

Mi metto a cercare e…
Barretta di cioccolata noir Lindt.
Questo buzzurro gentiluomo ormai mi conosce come le sue tasche e giuro che mi son quasi scappati due lacrimoni.
Ti, sei il migliore!!! ❤

Certe cose si fanno quando non puoi dormire…
Quando viene la luna e ti chiede di uscire…

There’s no moon tonight.
I can’t see it at least but Mina knows and sings into my ear.
She always knows after all those years…
She knows you, Ti.
Our smiles, my cup of tea and your black coffee, your fingers weaved with mine under the table when we dine out with friends, the glow of your bare shoulders over me.
Blue smoke you puff out while you work.

The song is playing on repeat, it’s hurting me in many ways.
A good kind of hurt, mind you.
I know it will end in a few days.
Still there are the solitude and silence.
You changed me for the better in record time, Ti.
Again… there’s just one thing I will not say to you out loud, feelings not withstanding.
Happy new Year Art Deco Middle Aged Bastard.

Ma si sa certe cose non le puoi raccontare…

3536

Sono tre giorni che praticamente non mi alzo da letto, in letargo, spiaccicata come una sottiletta.
Non so cosa sia ma non è la prima volta che mi succede.
Mi capita di dormire in continuazione e l’unica cosa che mi interessa è il non essere disturbata dal mio coma per nessun motivo (vedasi lo smartphone in perenne modalità aereo)
Sarà il fatto che sono finalmente lontana da qualsiasi forma di stress di casa ed ho trovato Ti ad attendermi.
Mi ha dato un’occhiata ed – a dispetto di tutto – mi ha capita senza che io parlassi.
Infatti il weekend l’ho passato da lui nel silenzio che è il suo appartamento.
Ti, che non mi chiede niente.
Ti, che mi porta la mia tazza di tè a letto al mattino quando mi degno di aprire gli occhi.
Non lo vedo da più di un mese e mezzo ed quando finalmente siamo di nuovo assieme io divento un’eremita apparentemente sordomuta.
Sì, sono fottutamente commossa con la lacrimuccia pronta ora che mi sento leggermente più vigile.
Perché sono al sicuro mentre la pioggia cade in strada.
Finora mi sono sempre preoccupata di me stessa e protetta da sola, azzardare di cambiare…
Domani si ritorna alla solita normalità, alla Fra che pedala come un indemoniata ai 30 l’ora senza mai mollare, alla Hermes che scrive come un’ossessa la notte, alla sua petite Fräulein che lavora con passione.
Oh Ti, anche se non lo dico…

Getting home today and she backs it up with one of my favourites…

I’m coming back, baby.

Wait for me.

The Minds of ...

Nelphaell Simblr (Hyde)

INTJ:Break-The-Chain

Empower Yourself

unbolt me

the literary asylum

Poetica di Viaggio

Equilibrio tra preparazione e improvvisazione, tra emozione e razionalità

Bikes Philosophy

We're gonna travel the world by bike to spread love, respect and culture of bicycle all over!

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

“Ships are safe in a harbour, but that’s not what ships are made for”

RUMORE

Interferenze radio e disturbi di segnale

Tea Leaves and Reads

“As always, one of her books was next to her.” ― Markus Zusak

Mathew Lyons

WRITER & HISTORIAN

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

Ps: Fun & Travels

Blog Idee viaggio

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Dimension Gate

"All worlds, all of time are yours to explore"

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

April is such a Cursed month

Permanent wounds that never heal.

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

Vivoescrivo

God Hates Us All!

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Anette Olzon Italia

Your first Italian source about Anette Olzon

Show me a garden that's bursting into life

I'm contemplating thinking about thinking

Kathryn Dawson Photography

"Vision is the Art of seeing the invisible" - Jonathon Swift -

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

the m0vie blog

an Irish nerd's eye look at the world of film

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

Meanwhile, back at the ranch...

music, poetry, musings, photography and philosophy from a woman who found her way back home and wants you to come over for a hike and a cocktail.

F. H. Hakansson

F. H. Hakansson - Writer

The Harry Potter Companion

the story, the beauty, and the magic of harry potter