Tag Archive: home


Yesterday night moon…
Taken with my Canon on 50x optical zoom…
I don’t know what to do with myself and she’s near enough…🌌

Sono stata via.

Magari non ve ne siete nemmeno accorti.

Ho passato gli ultimi tempi male, malissimo.

Non tanto per Ti e le sue grandi ‘idee’ dell’ultimo momento, è da un bel po’ che ho aperto la messaggistica o avuto notizie di lui comunque.

Qualcosa di pre-annunciato mi è arrivato come un camion addosso.

In più ho dovuto fare la parte della forte mentre gli altri se la sguazzavano nel dolore o perlomeno potevano confrontarsi con l’accaduto e farsene una ragione.

Quando ho avuto tempo e modo di fare lo stesso, non ci sono riuscita e ci sono stata ancora peggio.

Sapevo che sarebbe successo, sapevo che dopo un certo momento tutto ci era regalato ed il tempo a nostra disposizione sarebbe scaduto ma la certezza assoluta del ‘dopo’ è devastante.

Non riesco ancora a scordarmi quel cielo blu, i venti gradi stabili sotto un sole da primavera avanzata di inizio Febbraio, io che cercavo di non tirare troppo in bici perché era presto e c’era tempo.

Il pensiero che saliva su mentre infilavo il rampichino e salutavo due vicini poi iniziavo l’ultima salita dura.

Ero fuori allenamento, ho dovuto fermarmi a metà.

Sono arrivata alle 14.05, lo so perché è suonato il campanile.

Mi sono seduta sui gradini per un po’, era ancora troppo presto intanto.

Quindi i primi dettagli atipici, i rumori, la porta lasciata aperta.

Sono entrata per  capire.

La fine.

 

Almeno non ha sofferto troppo continuavo a ripetermi Almeno adesso può stare in pace e non preoccuparsi più delle mille cose di cui mi parlava quando ero lì seduta da sola con lei a prendere il caffè.

E mentre pensavo questo, tornavo a casa in MTB, non vedevo nemmeno la strada un po’ per le lacrime che sfocavano tutto un po’ perché pedalavo come un’indemoniata, tanto non c’era più tempo.

Ora, a distanza di mesi, il vuoto è rimasto.

L’unica consolazione è il fatto che la sento.

Se ne andata in un posto in cui non posso ancora raggiungerla ma la sua voce è dentro la mia testa, parla nel suo dialetto particolare a metà fra veneto e piemontese, mi racconta cose che non sapevo ancora.

I suoi occhi blu vedono attraverso i miei.

Non mi importa cosa pensano gli altri.

Lei è ancora qui con me.

L’inizio.

Tu che non ti arrendi, nemmeno dopo quasi un mese.

Io che ti metto nella black list e quotidianamente vado a leggere le mail che mi scrivi.

La chevrolet darling mogia in garage.

Non riesco a bloccare l’immagine di quella notte e mi viene da piangere.

There’s no hate, painting the life I could have lived and now you share with her.

You wanted this, I don’t understand why you still lie to me.

Merry Xmas & get the fuck out.

Sunday afternoon, drinking tea with Grandma Flora (my namesake!)…

A cup older than me, all baroque, made of chalk.

Sky not bluer than our eyes.

Family with three generations of blue eyes.

Home not really home anymore, still and warm.

Afternoon in amber and silence.

Peace and sighs.

Strings of dialogue unimaginable, loving her more than myself.

Te lo meriti.

Ed anche no.

Because I know you loved the nothing so many years ago.

A girl with no true direction in her life but a will made of rusty iron.

Now blueish steel, forged in the darkness of the years gone by behind.

Now more and beyond.

Never bend or break again

Watch with your eyes.

From a dark, dank place here comes Evil.

Long gone eyes made of ice and venom never closing, harsh words never retracted.

A pen scratching words written for herself only.

Longing for nothing.

Longing Evil had and your anger wasn’t misguided.

Still, given everything, Evil deserved…?

Did she truly?

Did she?

I’m not asking you now.

I’m asking this to the ago you.

I’m not hungry for answers or accusations, I’m afraid.

Sorry for what happened though.

Time is MINE

Rant in arrivo…magari anche leggermente insano quindi cercatevi un riparo finché potete.

Vi ho avvertito.

 

Da metà Novembre sono zia…tutto ok.

Oramai siamo a luglio e diciamo che tutta questa pucciosità a me non sta facendo effetto alcuno.

Oh sì, ho l’istinto umano di proteggere il più piccolo del clan da qualsiasi forma di pericolo certo ma non è che sono diventata improvvisamente idiota come tutti quelli che mi circondano.

La mia vita non rivolve su mio nipote.

E mi pare che sia pure normale…

Tra l’altro da Novembre la mia convinzione di non avere figli si è cementata in maniera definitiva.

Non ho la pazienza per badare ad un bambino piccolo, figurarsi se fosse mio figlio e non ci penso nemmeno.

 

Ma cosa davvero mi fa incazzare sono le reazioni quando dico che NON voglio nel modo più assoluto avere figli.

Tutti sorrisetti compiacenti, il sorriso freddato della mia nuora, i ‘Vedrai che cambierai idea…’ etc. etc.

Ma dico, secondo la morale comune, cosa siamo noi donne?!

Ok, sono nata femmina ma non mi viene la depressione una volta al mese perché ho sprecato una buona occasione per diventare madre.

Difficilmente mi riconosco nei modelli che ci appiccicano addosso come etichettina da cibo con pure la data di scadenza sopra.

E tutte quelle sputtanate assurde sul ticchettio dell’orologio biologico femminile…quando le sento mi si abbassa il QI, davvero.

Esistono le provette sapete e gli uteri in affitto, strano ma vero.

Anzi meglio adottare un orfano, quelli sì che hanno bisogno di affetto in questa valle di lacrime.

 

Sapete cosa?

Il mio orologio ticchetta.

Ed il mio tempo decido io come spenderlo.

Se voglio sudarmi l’anima sotto un sole a 35°C per tre ore consecutive non chiedo di certo aiuto a nessuno.

Se preferisco lavorare nei weekend non abbasso il PIL del paese.

Se fossi proprietaria di una fottuta serra di fiori non decimerei la biodiversità di cosa mi sta intorno.

Se mi piace divertirmi a letto ciò non significa che automaticamente voglio diventare madre di uno/due/tre… etc bambocci.

Se adoro sentire a ruota Led Zeppelin/Queen/AC\DC e compagnia mentre lavoro non cambia nulla da quelle che ascoltano solo Eros o qualsiasi altro artista. Ho gusti musicali eclettici e non ho mai sopportato le canzonette, è una cosa che mi porto dietro da sempre.

Se preferisco dormire  che farmi sei ore di viaggio / perdere un’intera giornata a sentire mio nipote gorgogliare frasi senza senso…beh…

Scusate tanto se al posto del cuore ho una merda e non mi sciolgo come un cioccolatino a differenza dei non presenti.

 

Sono stufa dei luoghi comuni italiani (e non).

Non sono santa e non sarò mai madre.

Amen

We all need a little beauty in life…

This is my fifth one (the big one, little is a gift for a couple that just married)…counting the ones Ti has at his flat also mine…. Me VERY obsessed 😁

 

…I go biking…

My time today  was 2 h 53 m and a good 70-75 km (note: I truly need to buy a speedometer)

The other one is a screenshot of Lifesum (I never input the true time for I stop a few times to drink in between climbs).

I’m famished right now but very content! 😁

4419

I don’t have a workstation…

My old pc with the AOC monitor, the notebook, two 1 tera hard disks for archive, my monstrous stereo (there! In the corner! ❤️) with Radio Ga Ga on, my 20’s lamp and hiding there an indestructible American Keyboard by IBM with a PS1 connector…

You can laugh all you want but that keyboard survived a mug of hot milk once and it just worked through it, lovin’ it xD

In short I have a Nuclear factory and two smartphones now…ah…pleasures far and few…😝

4325

There was a ring I never took off when I was no more than a teen girl.
It wasn’t valuable, found it dirty and dusty at the end of a drawer in a long before abandoned house.
It missed a little tiny diamond on its cast and it was so tiny in size I could only wear it on my left ring finger.
The center stone was a smoothed out ruby with a square shape.
But the beauty in it was not the stones.
It was in the fine work on the silver.
The thin veneers running along the sides in fragile, intricate leaves that could only be made by hand and with skill.
I never seen since a work like that ever.
It fitted my finger to the point I thought it was made for me and me alone.
It was probably just a cheap trinket bought at a fair or something like that in the time when my grandmother was just a young girl.
She’s 96 now, I’m 30 and the ring is still with me.
Worthless and consumed, but the silver still shines and fits somewhat.
The leaves are still there and they mean a world never gone to me.
Afternoons and evenings, card games and teas, red roses and blue hydrangeas.

You have forgotten, Gran.
I did not.
You can’t remember.
I shall do it for you for all the time I’m still given on this Earth.

tea-party-sharing-tea-with-grandma-1936-mike-savad

[coloured photo by Mike Savad]
[https://pixels.com/featured/tea-party-sharing-tea-with-grandma-1936-mike-savad.html]

4223

I wanted to do so many things this week…
Pubblishing a chapter of UT, for example.
Apart from work, apart from driving to see my tiny nephew ❤
It’s just monday…I know…
And do you know where I am?
In a dark room.
No joke here.
In a tiny dark room, in my bed and up to my ears with the coverlet.
No light is accepted and there has to be deathly silence or I go berserk in less than 5 sec.
I have migraine.
I can’t wear my glasses and if I have them on I don’t see a fucking thing.
I can’t eat.
My head feels on fire, and like it’s enflating, exploding.
And let me tell you how my optical nerve is an absolute bitch right now even with the screen in eco and red like a stoplight.
It’s going to be a long three days I can assure you.
Yes, at least three fucking days.

It starts dastardly subtle, a little fastidious pinprick at the height of my right temple.
I always just hope it will go away at this point…
Then the pinprick gets larger and mean, a scalpel sinking under my right eye to the center of the head.
Two things can possibly happen at this point.
The pain flares or recedes.
Yesterday it receded in the back of my head, near my hypothalamus and I just knew I was in for a fuckingly sweet ride of purgatory.
Nothing happens for some time then all hell breaks loose.
Hot wires start searing me from the back directly to the front, at this point I don’t see straight anymore, the pain blooms continuosly and my ears whistle while I feel all the little canals closing down.

There is no pause button for this and painkillers have no effect.
I can only endure this chinese torture with gritted teeth.

You can’t understand true pain until you try it.

“Best things in life are the ones you do for yourself.”
∼ myself

Edit

Of course they are!

 

“Best things in life are the ones you do for yourself.”
∼ myself

4052

Poco meno di due settimane alla fine di Agosto…

Sembra impossibile l’estate è ancora qui ma tornando per il weekend scopro che invece a casa l’estate è finita.

Ed è uno shock: fra tante cose che ho iniziato, ricominciato, portato a termine e magari messo anche in pausa. Mi sono dimenticata di questo posto che conoscevo come le mie tasche fino ad un anno fa ed un po’ perché no, questa non è più la tua casa, il centro del tuo mondo.

Al mattino, all’alba i tetti bagnati e quella luce obliqua nell’aria fredda, la tazzina di caffè che fuma mentre esci sul balcone e ti guardi intorno dopo aver dormito in camicia con tanto di copriletto.

La pelle d’oca sulle gambe, ed la pianta dei piedi – come fosse la prima volta – che allarghi inconsciamente sulla piastrella fredda per sapere che non stai sognando.

Le foglie degli alberi nei viali che raggrinziscono e cadono a terra mezze secche e mezze verdi.

La brezza del mattino che gira intorno alla casa. La certezza che ti parte nel petto: il caldo diminuirà sempre di più…e poi…

Il silenzio che segna la fine delle vacanze estive.

Summer is gone…I just didn’t see it this time…

Am I truly this old now?

Am I getting too wrapped up?

Shall I return to watch from amber shadows the dance of life?

preview.png

Nixed Sims

Sims 2 Things by NixNivis

THE MESS OF THE WRITER

"SAPERE TUTTO DEL NULLA E NULLA DEL TUTTO." [If you're not italian, you have the possibility to translate all the articles in your own language, clicking on the option at the end of the home page of the blog]

StarlitDen

Illustration, Concept Art & Comics/Manga

irevuo

art. popular since 10,000 BC

Luna

Pen to paper.

Human Pages

The Best of History, Literature, Art & Religion

Bombay Ficus

Running, Writing & Life

Let's Support Them

Make them smile and happy

The Paper Drafts

Creating art, poetry, and fiction.

Natalie Breuer

Natalie. Writer. Photographer. Etc.

The Alchemist's Studio

Raku pottery, vases, and gifts

The Depth Of Now

Stay Curious

thedihedral.wordpress.com/

Climbing, Outdoors, Life!

The Renegade Press

Tales from the mouth of a wolf

Discover

A daily selection of the best content published on WordPress, collected for you by humans who love to read.

Demoni di EFP

Una grande minaccia grava su EFP e sull’intero mondo delle fanfictions! Le storie squallide!

The Minds of ...

Nelphaell Simblr (Hyde)

INTJ:Break-The-Chain

Empower Yourself

unbolt me

the literary asylum

Poetica di Viaggio

Equilibrio tra preparazione e improvvisazione, tra emozione e razionalità

Bikes Philosophy

We're gonna travel the world by bike to spread love, respect and culture of bicycle all over!

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Racconti Ondivaghi che alla fine parlano sempre d'Amore

“Ships are safe in a harbour, but that’s not what ships are made for”

RUMORE

Interferenze radio e disturbi di segnale

Tea Leaves and Reads

“As always, one of her books was next to her.” ― Markus Zusak

Mathew Lyons

WRITER & HISTORIAN

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

Ps: Fun & Travels

Ami viaggiare? Sei sul sito giusto!

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Dimension Gate

“All the stars in the sky are waiting for you”

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

April is such a Cursed month

Permanent wounds that never heal.

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

Vivoescrivo

God Hates Us All!

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Anette Olzon Italia

Your first Italian source about Anette Olzon

Show me a garden that's bursting into life

I'm contemplating thinking about thinking

Kathryn Dawson Photography

"Vision is the Art of seeing the invisible" - Jonathon Swift -