Tag Archive: comic relief


trickybonmot:

My name is fan
And wen its nite
Wen normal fowk
ar sleeping tite
Wen showrunners
Hav ben a dic
I do the thing.
I rite the fic.

LOL

Annunci

Mix Letale

Sapete quanto è pericoloso guidare un’auto?

Non siate scettici…non fate la pantomina del ‘io so guidare benissimo/mai fatto un incidente/mai tagliato la strada etc’.
Seguitemi…
Stamattina mi metto al volante (come tutte le mattine LoL) con un solo occhio mezzo aperto, l’auricolare dello smartphone nell’orecchio e la radio su A TUTTO VOLUME.
No, non sono tamarra…purtroppo ho dormito un’ora ieri notte ed in quella delle sette del mattino mi ero già ingollata una caffettiera di Lavazza con gli occhi schizzati di sangue.
In queste condizioni sono ancora totalmente capace di tenere fra le mani un volante anche se sono una donna.

Ecco, ora facciamo un passettino indietro…
Ieri è stata una giornata assolutamente tremenda, ho passato tutto il giorno in piedi, arrivata a casa alle nove di sera solo per mangiare un uovo sodo ed tre cucchiai di farro (sigh), qualche lavoretto di casa, finita visione di un film che avevo iniziato da un po’ di tempo, qualche episodio di Hell’s Kitchen poi collasso totale sul materasso verso l’una circa…

Fermo restando che ora dormo come una pietra grazie a Lifesum, sono stata svegliata alle due da ‘rumori sospetti’ proprio alla finestra della camera da letto. Per poco non mi è preso un infarto ve lo giuro.
Per la cronaca dietro la blindata di casa tengo un piede di porco da almeno tre anni a questa parte ma in camera al massimo posso utilizzare un tomo come strumento di difesa personale (la lampada anni ’20 assolutamente no! Mica siamo matti!!! \-/)
Ancora mezza intontita, non riuscivo bene a capire che razza di rumori fossero, almeno finché non mi sono resa conto che non era il vento contro la tapparella, non era pioggia e non era nemmeno la mia immaginazione sfrenata…c’era qualcosa di vivente che stava battendo contro il cassone della tapparella, di unghie su legno.
A quel punto ero ben sveglia e decisamente poco incline a riaddormentarmi.
Mentre la cagnara aumentava di minuto in minuto il mio cervello si era avviato ed infine ho scoperto…c’era una rata vuloria (pipistrello) che si era infilata lì ed non riusciva più ad uscire.
La crocetta sulla mia fronte era più grande di Marte a quel punto…

Le possibilità erano due: smontare il cassone o ignorare il tutto.
Purtroppo erano le due del mattino ed avevo la netta impressione che i miei vicini non avrebbero apprezzato i miei istinti omicidi a quell’ora quindi addio sonno e vieni pure corazzata Potemkin sotto forma di sega elettrica con acustica da Scala di Milano.
Voglio bene agli animali ma a quel schifoso mammifero pelosetto ho tirato una sfilza di improperi che avrei voluto strangolarlo con le mie stesse mani.

Sveglia alle sette, due occhi gonfi di sonno e l’umore di un grizzly quando il salmone scivola via e ti fa la pernacchia.
Assolutamente normale quindi che – come nelle mie migliori giornate di merda – mi trovo la/il solita/o ‘furba/o del giorno’ che mi taglia la strada in rotonda quando 1) manco aveva messo la freccia, 2) si sveglia all’ultimo minuto con un accelerata degna di Paperino e vuole anche avere ragione.

Nei miei giorni sì borbotto ma ti lascio passare.
Nei giorni no, ti mando a fare il bucato e vado dritta per la mia strada con la certezza che se mi sfiori anche solo un po’ io ho la precedenza e mi paghi i danni.

Fanculo tu e la tua Giulietta fresca di concessionaria, Bellezza.

(Non ho fatto nessun incidente oggi ma ne ho le palle piene degli automobilisti che, invece di usare il cervello ed il codice della strada, pensano che avere una macchina nuova ti apra tutte le porte)

Cronaca di stamattina…

Ero lì, a gustarmi la mia sacra tazza di Twinings delle sette e un quarto, quando…

“Si può sapere perché non la smetti di nasconderti nei vestiti oversize?! Senza trucco sembri un maschiaccio!”

*Sopracciglio alzato alla Rickman*

“Perché sono comoda e non mi piace aggiustarmi il filo interdentale che tu chiami slip ogni quarto d’ora.

Perché non ho bisogno di una minigonna per sentirmi seducente, e nemmeno di sballottare la mercanzia da sopra zeppe di quindici centimetri.

Perché preferisco conoscere persone senzienti, non invaghite di cosa c’è venti centimetri sotto il mento.

Parliamoci fuori dai denti, cara, il quintale di trucco che ti spalmi al mattino in faccia potrebbe essere la causa di quella acne che a trent’anni mi pare decisamente da terrore: hai i pori ostruiti ed infiammati!

I miei maglioni oversize e la mia giacchettina victorian sono assolutamente perfetti per evidenziare quella figura a clessidra che tu, cinquanta chili portati male, non avrai mai.

Per il resto, la camicia da uomo che hai tanto disprezzato nasconde un piccolo indizio: probabilmente stamattina qualcuno si è alzato molto rilassato mentre l’altro di comfort aveva solo la doccia.

E con questo…good morning cara…

 

A summary of yesterday night…

When plot lines become too many…
I get all kinds of ‘Ohhh, yes, now THIS, Check, that’s done, this one for later’
Then you feel it’s time to close a chapter and…

1.00 AM

2.00 AM

3.00 AM

O.O

I think I dropped my brain somewhere between the first 1.000 digits…

…chapter is 6.000+…

And the last update has been almost a month ago…

And then I ask myself the fatidic question when I see the grammar…
Have I been drinking while writing?
Nope, no…whenever?!

“Sometimes I write drunk and revise sober, and sometimes I write sober and revise drunk. But you have to have both elements in creation — the Apollonian and the Dionysian, or spontaneity and restraint, emotion and discipline.”

Dylan Thomas in “Reuben, Reuben” 1964 @ Peter De Vries

Linds with the grin/Alan is so good:

Me, searching for the whiskey stash:

This tale ends with me smashing head first into the keyboard and finding myself with a black eye the morning after…explain that to people who know you without sounding completely out of your mind.

1363710886928693108

[Little disclaimer: This post is one of my poor comic reliefs, no GIF is mine so don’t flame!]

Avete presente quando la lista di cose da fare entro la notte diventa sempre più lunga ogni ora che passa…
E gli occhi vi si chiudono…
E l’edit per l’aggiornamento del capitolo di domani è ancora tutto da fare…
…per non parlare della revisione grammaticale e della sintassi…
…la codificazione del suddetto…
…e del capitolo finale ancora tutto da scrivere…
Di ASTTR e del secret project che mi randellano ogni minuto della giornata con nuove idee sempre più malate e brillanti e che non posso aspettare a scrivere in modo di non dimenticarmi!
Devo anche trovare il tempo per diventare liscia come una tavola, lavarmi i capelli, organizzare la valigia, farmi un paio d’ore di sonno e tentare di far mangiare quella bestiaccia di Loki (la tartaruga bastarda) andato improvvisamente in sciopero della fame e della sete…
Solo a pensare che devo svegliarmi alle cinque di domenica mattina mi viene male…
Lucius, caro hai mica qualche consiglio attinente da darmi? #-#

tumblr_m7stlrSPm51qhd14co1_500
[GIF not mine]

…and put the kettle on because it’s going to be a loooooonngg weekend not really relaxing.

INTJ:Break-The-Chain

Empower Yourself

unbolt me

the literary asylum

Poetica di Viaggio

Equilibrio tra preparazione e improvvisazione, tra emozione e razionalità

Bikes Philosophy

We're gonna travel the world by bike to spread love, respect and culture of bicycle all over!

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

“Ships are safe in a harbour, but that’s not what ships are made for”

RUMORE

Interferenze radio e disturbi di segnale

Tea Leaves and Reads

“As always, one of her books was next to her.” ― Markus Zusak

Mathew Lyons

WRITER & HISTORIAN

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

Ps: Fun & Travels

Blog Idee viaggio

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Dimension Gate

"All worlds, all of time are yours to explore"

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

April is such a Cursed month

Permanent wounds that never heal.

Matt on Not-WordPress

Stuff and things.

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

Vivoescrivo

God Hates Us All!

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Anette Olzon Italia

Your first Italian source about Anette Olzon

Show me a garden that's bursting into life

I'm contemplating thinking about thinking

Kathryn Dawson Photography

"Vision is the Art of seeing the invisible" - Jonathon Swift -

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

the m0vie blog

an Irish nerd's eye look at the world of film

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

Meanwhile, back at the ranch...

music, poetry, musings, photography and philosophy from a woman who found her way back home and wants you to come over for a hike and a cocktail.

F. H. Hakansson

F. H. Hakansson - Writer

The Harry Potter Companion

the story, the beauty, and the magic of harry potter