Tag Archive: Black Tea


I’m LOVING this fic and I’m not even halfway…
Ohhhh the slow burn, the narrative, the intelligence!
It’s very refreshing to read something not truly affected by fangirls behaviour and ridiculous conceptions of a Darcyesque or ooc Snape.
The fic in question is obviously in English and primarily an HG/SS with a secondary developing HP/DM

It’s called The problem of  purity.
It’s written from Phoenix.Writing.
You can find it on ff.net here.

Do be warned this story is 63 chapters long and 638k+ in lenght but is complete…Off to reading again I am…
Even when I really really need to get the hang of at least half of Freud material for next week…sigh😅

Annunci

Non so più cosa dirmi con quei due…

Cioè la storia parla di Kurt ed ieri sera Michelle ha preso la bella decisione di riempire due terzi del prossimo cap con tutt’altro… accidentacci a lei!

La sua apparente urgenza di vuotare il sacco mi sta mettendo totalmente in crisi…Non voglio svelare il fine di UT al terzo capitolo!

Poi vogliamo parlare dell’idea malata – eppure perfettamente plausibile – su Linds delle 2/3 di notte che ti fa girare le ruote dei criceti alla…

Me 1: Ma no, ma sì…
Me 2: No è assolutamente follia, non funzionerà mai e sai PURE perché.
Me 1: Eh però divertimento assicurato…
Me 2: Assicurato un corno, perderemo il sonno come le altre volte!
Me 1: sarebbe un bell’input in più ad un personaggio rodato, ecco…
Me 2: see, tutto ok se stessimo parlando non di Lagden ma di una pecora andata improvvisamente in OOC dopo vent’anni di servizio… Và a dormire Và!
Me 1: ci riuscissi! =_=
Linds: A chi lo dici, tesoro!

Scherzi a parte ho idee davvero buone e sembrano arrivarmi come dei fulmini a ciel sereno nell’ultima settimana.

Se la musa fino a giovedì scorso dormiva ora sembra in piena attività…
….dato tutti i dubbi che mi sta mettendo non so se è un bene od un male.

Intanto ho buttato giù mille paroline…e temo – temo – cosa uscirà il momento che mi metterò a comprovare la mia ultima teoria spastica sul fantomatico topastro…..

tumblr_inline_mq3e38dgwq1qz4rgp

The first days of November are purity itself to me.
No false promises when daytime gets so much shorter.
The sun is only a disc of molten lava over the red mist.
Leaves draping a path of mud and dew and lush green grass in the place where my mind always is.
The below zero mornings when the sky is like spun glass and everything lies under a white sheet, gold light on the treetops climbing up the walls of my room.
The Search beneath the naked trees for the last ripe fruits, treasure of months behind us.
I love the smell of the woods, the burning hearth, the cup of tea fuming in my cold hands, the sound of the buzzards in search of prey, the silvery water spilling from the rock, sound of wilderness, soft moss silencing my boots, squirrels raiding nuts, my breath in clouds while walking the road of Old.
The wintry peaks so far yet so close in the crisp air.
Cold knows how to paint the hills and find me a moment in time worth to remember besides every line of all my many favorite books.
This is the time in the year where I look around and I don’t say a single thing.
Such is the power over me when winter comes: I find myself again.
This year of all my Years, is the sweeter so far.

087b71d787111289d43b1e9304adeac8

Avete già avuto a che fare con i miei post quando mi vengono a scassare le scatole prima che possa buttare giù la mia tazza di tè mattutino…

Ecco la teinomane qui presente ha un ‘costoso’ nuovo amore…profumato, esotico, misterioso e scuro.
Nome: Indian Chai.

Non fatevi prendere in inganno da quello cinese (verde chiaro, per intenderci), questo è tè che più nero non si può con una quantità di spezie dentro da arresto cardiaco (zenzero, cardamomo, cannella e chiodi di garofano).

Provatelo e tutte le vostre idee di tazza andranno fuori dalla finestra con la velocità di una gazzella…LoL

Impagabile sorseggiarlo bollente con il nuovo lavoro discografico di Ashcroft nelle orecchie…un perfetto fine giornata con tanto di botti di capodanno per le mie papille gustative…

Speriamo che tutta questa creatività si spanda anche sull’ultimo capitolo di ASTTR che continuo a scribacchiare ma non riesco a portare avanti a causa della vita reale….eh oh beh, put the kettle on and another Indian Chai!!!

There are some days in the start of February that carry the scent of spring like today.
With harsh winters they are like a balm but after such a meek climate they stink of unfulfillment and are just plain wrong.
Still there is the pull…a thrum of life born in the darkest night of the month that puts in motion a new cycle.
That pull makes me smile because it feels like rebirth even when no seedlings have been planted in the pots of my imagination.

Oh please! Still pursuing the dusty tomes? With tea?! What the hell are you a nun?

Yes, I am.

At least  I can read – you know – pages to devour, best to know what I like rather than vegetate.

And now do me a favour: remove yourself from my little temple of peace.

Thank. You. Very. Much.

Dopo una lunga giornata c’é solo più una cosa che riesce a farmi drizzare le antenne.
La tazza di tè serale.
Fumante come l’incensiere da messa.
Sarà che sto invecchiando e che vedo triplo verso le dieci sera quando iniziano le mie ore notturne d’aria e scrivo (od almeno ci provo!).
Sarà quest’estate che estate non è (e che sto godendo come solo una persona dalla pelle bianca e debole alle vampate di caldo può godersi).
Sarà il fatto che davvero, non mi sono mai vergognata tanto della nostra figura di c***a nei mondiali.
Che ieri per la prima volta dopo quasi due anni ho ricominciato timidamente ad ascoltare i NW e ci ho ritrovato ‘l’emozione‘.
No, non tornerò di certo a riempire pagine e pagine su Tuomas&company ma quelle passeggiate malinconiche in mezzo ai castagni sì.
Non sono mai veramente smesse, come le letture della mezzanotte (in questo caso Laclos) e gli occhi all’insù verso i baldacchini di foglie e le stelle.
Sarà che ho salvato tutte le rose della mia vecchia nonnina e stanno fiorendo assieme alle ortensie come mai le ho viste negli ultimi dieci anni.
Sarà che essere soli non significa non avere niente da perdere.
La compagnia non serve a niente, se non a perdere tempo ed uccidere quelle frasi che hai sulla punta della lingua nel momento perfetto.
Non adoro la gente, preferisco molto di più la tazza, il libro, la penna e la carta ed i boschi dove a parlare c’è solo il vento fra le foglie e non si offende se non gli presti caso.

It is so cold here in the North, seems like summer never reached at all.

Still the sky is so blue and vibrant.

It’s the shade of longing, crisp air, and mist.

I long for silence, I long for the call of the owl on Sunday morning, wakin’ me up.

The steaming cup of Black Tea with four spoons of sugar and lemon sweets.

The sun rays makin’ their way through the glass without warmth.

Sky streaked with high silver clouds.

The way my favourite cardigan reaches my knuckles keepin’ me shielded like a cocoon, the embrace of your favourite smell in the world.

Home, you, stillness, old book waiting to be read, blue and gold.

Il Cassetto nel Cassetto

Un Mondo di Parole

Tea Leaves and Reads

“As always, one of her books was next to her.” ― Markus Zusak

Simone Morana Cyla Official Blog

Blog ufficiale dell'artista digitale Simone Morana Cyla.

Mathew Lyons

WRITER & HISTORIAN

comeseavessileali

"What a guy, what a fool am I, to think my breaking heart could kid the moon"

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

Matteo Gianino

Photography Portfolio

Ps: Fun & Travels

Blog Idee viaggio

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Dimension Gate

"All worlds, all of time are yours to explore"

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

April is such a Cursed month

Permanent wounds that never heal.

Matt on Not-WordPress

Stuff and things.

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

Vivoescrivo

God Hates Us All!

Il Nemico Utile

Exoriatur Lumen Quod Gestavi in Alvo

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Anette Olzon Italia

Your first Italian source about Anette Olzon

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Show me a garden that's bursting into life

I'm contemplating thinking about thinking

Kathryn Dawson Photography

"Vision is the Art of seeing the invisible" - Jonathon Swift -

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

the m0vie blog

an Irish nerd's eye look at the world of film

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

Meanwhile, back at the ranch...

music, poetry, musings, photography and philosophy from a woman who found her way back home and wants you to come over for a hike and a cocktail.

F. H. Hakansson

F. H. Hakansson - Writer

tuttoquestogiallo

Ventitrè estati, ventidue inverni. Immaginare storie. Scriverle con un lapis su pezzi di carta ingiallita. Scappare lontano. Viaggiare con la mente e con il cuore. Sognare una casina bianca e un giardino pieno di rose. Leggere un libro. Guardare il mare. Ascoltare in silenzio la voce dei propri pensieri. Affacciarsi su un balcone e guardare l'alba. Fotografare un istante e conservarlo gelosamente nel proprio cuore. Fumare una sigaretta su una vecchia sdraio verde mentre guardo le stelle. Immaginare qualcuno dall'altra parte del mondo. Colorare di giallo la mia vita. Giallo. Giallo, perchè è prima del rosso. Giallo, come un limone. Giallo, come la mia canzone. Giallo, perchè disturba. Giallo, come qualche miliardo di stelle.

The Harry Potter Companion

the story, the beauty, and the magic of harry potter