Tag Archive: Art Deco middle aged bastard


Palm trees in black and white…
Last thing I saw before I die…
Right light
Right man
Right time to close your eyes in the white cadillac delight silver chevrolet darling

IMG_20180906_1936441

IMG_20180906_193658

 

Annunci

4060

Brief summary of this morn at 5 o’ clock:

Baby get a move on!
He says
Umpf!
I say
Come on love, it’s gonna be alright.
He says
I said no.
I say
Fräulein, for fuck’s sake, MOVE!
He looses it



No.
I say
Is it an invite?
He says

Beady eyes shine from a crevice in the pillows and blanket.

I’m not a morning person, and I HATE running, Ti!
I say

He’s smiling…evilly.
Oh no…
The next moment my soft heaven is raided and I’m upside down on his shoulder.
He whistles.

WHAT!?
I roar
You were right ma chérie, you put on weight back home.
He says
I’m still not running!
I say
Oh, that’s NOT up for debate, zierlich! Now for some breakfast…
He says

Morale della favola: controllate sempre di non aver davanti un’ossessionato della forma fisica/palestra/etc davanti prima di diventare innamorate cotte.
Sanno essere estremamente persistenti! @o@

giphy2

4046

I just had one of the worst days of my life…

Only saving grace is coming home to Ti in full exercise mode, stripped to the waist and putting strain to his biceps, and he does that only when he needs to get off something from his chest.

And then turns out his day was no better than mine…

So a call for take-out, and an opened bottle of cognac later, falling stars to watch over our heads…

There are things in life you just can’t buy…thanks above for small mercies…xD

I could die for thy beauty, my favourite jerk in the whole world!

Saturday night, disaster day.

Prosit to a better week in two days.

giphy1

4036

“Do you have to go home, Fräulein?”

It’s the timbre of his voice.
That lost air he fights so hard to keep reined in.
His big hands curled up on the desk.
I don’t know what is happening to Ti in these last few days but I’m worried.
He seems in another world, a darker one, him so lively and dinamic like I’ll never be.
I’ve been tempted to ask…god, I’m dying to ask and I’m respecting his personal space…
What can I do?
His eyes are literally screaming at me to stay.
At home I have so many things to do, to finish, to explore but that look is scaring me shitless…

“No, I don’t…”


I’m here Ti.
Even if you’ll never tell me what’s wrong.
Because I…care.
 

4031

What if I do pray?
I know, Ti, God is nothing to me but I’m praying through this awfully hot days.
While my brain is slowly dying to death along with my eyes for the sun and humid air.
While I exercise like a madwoman.
While I drive fast on the highway.
When I find myself thinking of you, looking through tea depths, in my few moments of rest.
At 5.50 am when I usually wake.
I see what I can’t.
I hear nothing, and you are in the shell of my ear.
It is maddening more than anything else I ever knew.
If God existed it would hear my prayers, isn’t it?
If it was a benevolent God, that is…
I know you would smile that knowing crooked smile, now.
All finesse and glinting eyes.
Smoke shimmering in your breath, the sweet cherry flavour of the tobacco you use.
I can savour it on my tongue now.
Maybe the stillness of this heat will make me mad…I don’t truly care if I can have you.

And saying those dammed words that will never leave my mouth.
Shall I wait when it’s going to be too late?
Yes, because I am that kind of idiot.
Silly little thing with an iron will who can plow for its dreams in the midst of the last deathly heatwave  of the summer and then turn spineless coward with fear of an imminent end to happiness.

And I pray, yes, more than you’ll ever know.

4018

And if one day.
But never tomorrow.
We woke up again together,
emerging from a whirlwind of dream and thunder.
Will you listen to me?
One day when the dunes will take the color of the evening and the tired bells will stop playing the dull tones of a return that will no longer happen.
Will you find me?
Surrounded by the storm on each side as far as the eye can go and remaining stoically immobile in a given place.
What would you choose?
Your empty words or my dead gestures?
Shadows behind my skull, breathing the pure air of your last breath.
I finally know what I want.
Lie down in the hay of a summer that no longer exists at this time.
Crushing to dust the dry flowers between the pages of my books.
Walk distant streets in the sunlight.
Catch you by the hand and drag you into the light.
Living for the sake of it.
I do not need a motivation.
Words will have to come out sooner or later.
Or I’ll end up forgetting what it means to say them.

4001

Ka-ching!
[…]
Ka-ching!
[…]
KA-CHING!

Questo è il suono che ha fatto il mio povero smartphone nelle ultime tre ore a ripetizione…ha un che di quasi surreale… xD

Il suono del battere cassa mentre sono al volante della Chevrolet Darling, in solitaria.
Lavazza Crema e Gusto nelle vene per evitare di spiaccicarmi.
Intanto tutti questi ‘ka-ching’ fanno ben sperare…

Non so Ti ma a me la furia è passata…di certo però si sarebbe potuto evitare…
Correrò ai ripari, non so ancora bene come…
Colazione?
Forse…magari…
Vedremo.
Tanto la cacofonia continua imperterrita…alè LoL

Ancora molto arrabbiata tanto che sono tornata in anticipo…
Stamattina consoliamoci con marmellata di limoni handmade ed una colazione và… -__-”

IMG_20180713_091244_1

3996

I’m so mad right now not even his light-blue three piece suit is going to save him.
Just wait until he comes back!
What the actual fuck, Ti!

IMG_20180706_212603

Estate.
Molti dicono che l’estate può essere solo una, frenetica, troppo corta nella maggior parte dei casi.
Sono tutte balle.

Tre anni fa (cavolo…già così tanti?!) le mie estati erano lunghe e scure, soli obliqui che foravano sentieri di terra sotto le suole delle mie scarpe da ginnastica. Posti ombrosi dove gli alberi cigolavano sinistri ed io, io che mi isolavo da quella natura a tratti pericolosa con Metal e Nightwish e Soprani al volume massimo, cercando di bruciare tutta la rabbia che mi sentivo addosso con la voglia di pericolo e di scoprire ciò che avevo intorno. Ho battuto quei boschi palmo a palmo con ‘metodo’, la mia personale follia.

Quando ero bambina la mia estate era come un pomeriggio che non finiva mai, un sole che ti abbaglia anche se sei all’ombra, un quadrato d’erba chiuso da soffocarci dentro, trattenendo il respiro sotto l’acqua gelida di un pozzo. Pezzi di ambra chiara e cristallina che cola dalla corteccia e frutti dolci come il miele sporti a penzoloni dagli alberi.
Mattine seduta al sole sul balcone della casa dei miei, quasi invisibile in mezzo ai vasi della mamma. E sere a guardare affascinata le lame luminescenti di rifrazione della luce che si proiettano al tramonto dove il sole non scende. Colori che non dovrebbero esserci eppur ci sono per un brevissimo momento, proprio come stasera.
Ed i temporali, io furtiva che osservavo i fulmini cercando di scorgere la regina ed il suo calesse, mai davvero impaurita e più che mai curiosa.

La noia totale e completa delle mie estati quando ero adolescente, non finivano mai.
Lancette praticamente bloccate con l’attack macinando chilometri tutti i giorni sulla Renault 21, desiderando poterla guidare…='(

L’anno scorso, la mia prima estate con Ti, la mia prima estate al volante della Chevrolet darling.
Quando diviene tutto di colpo possibile ed l’ultimo pizzico di negativismo se ne và, quasi magicamente tanto che t’aspetti che sia uno di quei sogni in cui sei convinto di saper volare e poi cadi dal letto facendo i conti con la dura realtà xD

Questa estate?
È iniziata non proprio col botto ma promette bene, diciamo così.
La mia Chevrolet, l’amore meccanico della mia vita, che ringhia e accelera come una invasata quando la guido già con la punta del piede. Un mostro che adoro e che Titan teme LOL
Io amo andare veloce, non è mai stato un caso.

I miei quando avevo 14 anni: “Lo vuoi il motorino?”
Io adolescente di poche parole ma previdenti e decise: “E che me ne faccio? A scuola ci vado a piedi, e comunque è meglio la macchina.”

E Ti.
Oh Ti.
Il fautore della trasformazione.
Senza di lui non sarei tornata io e, se potessi farlo, gli direi quello che non dico ma penso 7/24/365 ormai.
Ci ho provato ma non mi esce.
Sembro quasi uno di quei pesci da acquario, mi sconforta ed infuria il non riuscire ad esprimermi liberamente.
Un anno.
Più ci penso più mi sale il panico ed una dolcezza che trabocca nella mia gola e mi porta il magone.

Quando lo guardo, a lungo, forse anche disperatamente.
Come ieri, nella luce del giorno che finisce mentre ci rilassiamo in terrazza e si gode il suo whisky con ghiaccio ed io la mia vodka alla menta con limone.
Se ne accorge, ricambia il mio sguardo.
Il peggio è che lo sa.
Sa perfettamente cosa vorrei dirgli e, con estremo tatto, fa finta di nulla.
Sorride e mi lascia un bacio sulla tempia, il suo braccio sulle mie spalle.

Stop time, I want this present to last a-while.

How could you resist this beauty and come home unscathed?

No, there’s no way.
Me walking to the office just for a moment to gather my notebook and Ti glancing at it on the counter…

“Fräulein, it’s so très charmant.”
“Yeah, I know.”
“Do you mind if I take her home?”

He’s making puppy eyes…
Damn.
At the end he wins…
Why I’m feeling a little betrayed here… XD
Then I start for home and I find myself caged…

“Sweetheart, dine with me tonight?”
“Okay…”
“I’m making your favorite.”
“Great.”
“Keep the dress on so I shall unwrap my present tonight?”
“So many presents, spoiled child! What about me?”

He smiles.
The kind of smile that I can’t live without, with a touch of mischief in his eyes.
And the the kiss that unravels me from inside out.

“Happy anniversary, now go back to your free day, petite.”

francisbacon1-2x

3931

Ci sono espressioni che non riesco ancora a controllare a quanto pare…
Così dice Ti, almeno.
Stamattina ero seduta allo sgabello con portatile in piena modalità lavorativa.
Ti mi passa davanti parlando con qualcuno al telefono, a volte gesticola leggermente ma pure i suoi gesti sono eleganti e, inevitabilmente, mi distrae.
Finisco per osservarlo in silenzio.
Un giorno o l’altro lo filmerò solo per quando mi manca e sono fuori in trasferta. xD
Il buzzurro gentiluomo chiude la telefonata e i nostri sguardi si incontrano.
Silenzio.
Sorrisetto da parte sua.

“Fräulein, you should really stop looking at me like that in work hours.”
“Huh?”
“I can tell what you’re thinking most of the time.”
“Oh, yeah?”

Io cretina che faccio la spavalda, forte dell’avere un portatile dietro il quale nascondermi.
Rincoglionita proprio.
Gli occhi di Ti che mi trapassano da parte a parte prima di diventare ghiaccio sulla mia spina dorsale.
Ed ecco…a questo punto caliamo pure il sipario che è meglio.

Ma che colpa ho se si veste bene ed ho un debole per il suo armadio?
Anzi no, ho un debole per l’intero pacchetto me tapina!!!
And he’s Not Safe For Work xP

testylargeandeancockoftherock-size_restricted

Ieri notte il pc ha cercato di dirmi che deve aggiornarsi alla 1803, non vi dico i gesù cristi dato che avevo davvero bisogno di lavorare nonostante non abbia fatto che quello da lunedì a questa parte.
Il mio bel sederino incollato al sedile della Chevrolet Darling quasi dieci ore al giorno non menzionato.
Fra trasferte e non trasferte, casini, diluvi universali e urletti isterici….
Stamattina collego il portatile al server…
Apro le mie cartelle lavorative e strabuzzo gli occhi.
Faccio F5, temendo errore da server.
Niente.
A quel punto vado a bussare da Capo Supremo, che alza la nobile testa dal suo Mac e mi osserva interrogativo.

“Titan?”
“Yes?”
“66 listings?”

Distoglie lo sguardo, puntandolo allo schermo.
Fa spallucce.

“Yeah…seems so.”
“It’s Thursday!”
“I know.”
“Have you gone mad?!”

Alza sopracciglio altero alla ‘sgancia, pedala!’ mentre mi infilo le mani nei capelli.
Perché prevedo che farò gli straordinari fino a domenica sera…?
Perché ho l’impressione di avergli pestato la coda al mio mastino preferito?!?!

3924

I’m a fucking bullet right now.
I won’t slow down.
I had enough of this shit town.
Driving the Chevrolet darling, engine on 4000rpm, roaring like a boeing.
Biting the asphalt.
Fuck it all.

Il suono della parola

blog dedicato a Guido Mazzolini

INTJ:Break-The-Chain

Empower Yourself

unbolt me

the literary asylum

Poetica di Viaggio

Equilibrio tra preparazione e improvvisazione, tra emozione e razionalità

Bikes Philosophy

We're gonna travel the world by bike to spread love, respect and culture of bicycle all over!

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

“Ships are safe in a harbour, but that’s not what ships are made for”

RUMORE

Interferenze radio e disturbi di segnale

Tea Leaves and Reads

“As always, one of her books was next to her.” ― Markus Zusak

Mathew Lyons

WRITER & HISTORIAN

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

Ps: Fun & Travels

Blog Idee viaggio

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Dimension Gate

"All worlds, all of time are yours to explore"

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

April is such a Cursed month

Permanent wounds that never heal.

Matt on Not-WordPress

Stuff and things.

Vivoescrivo

God Hates Us All!

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Anette Olzon Italia

Your first Italian source about Anette Olzon

Show me a garden that's bursting into life

I'm contemplating thinking about thinking

Kathryn Dawson Photography

"Vision is the Art of seeing the invisible" - Jonathon Swift -

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

the m0vie blog

an Irish nerd's eye look at the world of film

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

Meanwhile, back at the ranch...

music, poetry, musings, photography and philosophy from a woman who found her way back home and wants you to come over for a hike and a cocktail.

F. H. Hakansson

F. H. Hakansson - Writer

The Harry Potter Companion

the story, the beauty, and the magic of harry potter