Una settimana senza M (in realtà son 5 giorni circa…ma vabbè)

Da quando abbiamo iniziato a frequentarci non ho più avuto tempo da dedicare ai miei hobbies.

I save di TS2 (che già aprivo raramente 😅) son fermi a Marzo con una montagna di CC da provare che manco mi ricordo più perché e per come ho scaricato, una pila di libri di fiction che voglio leggere ormai polverosa, alcuni studi di settore che mi ero ripromessa di fare riguardo a certe categorie rimaste solo una riga di testo in un post it digitale su schermo.

Insomma questa settimana ho intenzione di attaccare ‘qualcosa’ di questa montagna di roba, e andare in bici almeno 2 volte, e andare in magazzino per 4/5 ore di studio serrato e – magari! – tornare ad usare la Canon rimasta impolverata nella sua custodia in favore della leica del mio Honor che fa foto discrete ma non perfette.

Poi c’è un’altra cosa…una cosa che pensavo di riesumare quest’anno ma invece mi chiedo se non sia il caso di metterci definitivamente una pietra sopra per mancanza di drive e di tempo.

Dopo ‘quasi’ due anni di stop pensavo fosse arrivato il momento giusto di ricominciare ad posare le dita sulla tastiera del pc e provare a scrivere di nuovo.

Adesso che è giunto quel momento però scopro che no, non è così.

Ed anche la scarsità dei miei post su WordPress lo confermano.

Avevo smesso di scrivere perché non ne potevo più, sono una perfezionista di natura e passare mesi davanti una scena che hai creato ma davvero non ti entusiasma è mentalmente soffocante se non trovi la gabula.

Son rinata da quando non scrivo più, e non credo nemmeno che questa definizione sia quella giusta se tengo in conto la miriade di cose successe in questi due anni.

Quindi no, non scrivo più e bene che sto.

Spero di riuscire a concludere qualcosa della lista sopra ma…

…alcune volte mi trovo a fissare lo schermo e sorridere come un’ebete, che indecenza!

Cinque giorni di libertà e ci scommetto che li passerò in attesa che M. torni a casa.

Il futuro al momento è quasi color cipria per quanto mi riguarda.

Sono felice, davvero felice forse per la prima volta nella mia vita.

Ho paura di cadere.

Ma sono felice.

Pubblicità