Strana cosa il silenzio.

Dà forma ai pensieri e disegna le pagine.

Abbozza i contorni dei volti anche nel più anonimo dei luoghi.

Eppure non c’è silenzio che possa far davvero male quando i ricordi dietro i tuoi occhi sono solo più piccole macchie di luce attraverso le foglie, che cadono sopra un sentiero.

Le sorpassi, senza parlare, e rimangono dietro le tue spalle.

L’estate è finita.

Da ieri ho tolto le lenti rosso fuoco ed ho recuperato quelle ambra dell’autunno.

Tutto sembra fermarsi.

Nel silenzio.

Annunci